Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 

Note
38) "La casa natia di S. Pietro, doppo il corso di sette secoli, nonostante le tante desolationi cagionate dalle guerre; fra le molte ruine, nelle quali si scorge sepolta la sua patria di Rocca Botte nulla di meno ella si ammira e si venera tutta intera, et in piedi, attorniata da altre case habitato in parte e in parte diroccate: ella pero 6 quasi posta in isola havenlo una sola casa contigua, la fabbricata nel pendio del monte, sopra scosceso sasso; e numero cinque distinte stanze cioè la prima al piano terra, che ha la porta, in faccia a mezzogiorno, e questa e ridotta in forma di piccola chiesa e cappella con lavoro a volta et nel mezzo il suo altare ornato di due colonne di stucco indorato, consacrato al Santo: e vi si celebra spesso il sacrificio della messa: sopra questa cappella la stanza corrispondente a tetto, che e chiusa per ogni parte, con una sola finestrina, si che niuno vi poté entrare, e ciò si per riverenza della cappella, che vi e sotto, si per la tradizione, che si ha, che in essa nascesse e fosse educato l'innocente fanciullo Pietro; al pari di questa stanza superiore vi e una piccola saletta; nella quale da Signori della festa si solera dare il desinare a Sacerdoti e Religiosi, che concorrono a venerarla; cadde questa gli, anni passati circa 1650 e con stupore di tutti quanti vi erano dentro; perché la ruina del suo pavimento fu senza lesione di veruno e fu stimato a gratia speciale del Santo; e vi si entra per una scala esteriore, che discende al piano della cappella, presso la falda del monte; un'altra stanza poi sotto la saletta d posta ad uso di cucina, che pure ha la sua porta con scala, dalla parte di sotto in faccia ad oriente: e sotto questa cucina, si scende alla cantina, quasi sotterranea da tre lati, e solo dal quarto ha la sua porta, a pian terreno dell'altra strada, la qual porta regge un Arcotrave di pietra assai gentile, con lavoro a scarpello ben intagliata vi 8 da un lato una Rosa; e dall'altro un mezzo martello e mostra in qualche parte essere stata risarcita. Il quadro della cappella ha l'imagine del Santo dipinta a nuovo con altri ornamenti d'intorno ed 8 tenuta con molta veneratione dal Popolo di Roccabotte, che gode la perpetuità dell'antica habitatione di questo Santo suo concittadino: privilegio suo speciale, poichè in tutte le Regioni latine fra li tanti Santi... di questo solo si conserva la propria casa nativa ridotta in chiesa, toltane la stanza in Roccasecca di Aquino, dove nacque l'Angelico Dottore S. Tommaso" (PIER. XXI, 127). 
39) PIER., XXI, 127. 
 
40) PIER. V, 331 segg. 
 
41) N. Becchetti, Appunti inediti, estratti dall'archivio parrocchiale di Rocca di Botte, p. 7. -
 
42) Archivio Comunale di Rocca di Botte. Delibere consiliari (9 dicembre 1935, n. 43) . 
 
43) idem, (26 luglio 1921 n. 32).
 
44) idem, (15 novembre 1934 n. 44). 
 
45) idem, (18 novembre 1924 n. 65). 
 
46) idem, (9 dicembre 1935 n. 43). 
 
47) Vedi nota 44. 
 
48) Vedi nota 46. 
 
49) idem. 
 
50) Rocca di Botte. Libri della deputazione della confraternita di S. Pietro Eremita. Anno 1936.
 
 
 

 
Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane ) Clicca per approfondimenti ( Terre Marsicane )
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright